FAQ

/FAQ
­

Può accedere al corso di  Perizia Grafica o Grafologia Giudiziaria chi frequenta il secondo anno del corso di  grafologia. Ciò assicura una conoscenza della metodologia grafologica indispensabile per esaminare con competenza le scritture oggetto di indagine.

Vai alla pagina del corso di Perizia Grafica

La perizia grafica è una consulenza tecnica mirata ad accertare l’autenticità o meno dei documenti contestati.

Nella perizia grafica, il compito del grafologo giudiziario è quello di rispondere al preciso quesito circa la riconducibilità o meno di uno scritto al tale “x” o ad “y”.  ( e la correlata indagine sulla sua eventuale falsificazione o parziale alterazione).

In perizia non debbono essere inserite considerazioni che esulano dall’attività di stretta pertinenza peritale.

Il corso di Rieducazione della Scrittura può essere frequentato dagli gli iscritti del secondo anno del corso di grafologia.
Vai alla pagina del corso di Rieducazione alla scrittura

La rieducazione della scrittura è indirizzata a bambini, adolescenti, ed anche adulti con problematiche e disordini nella gestione del gesto grafico, cioè disgrafici. Attraverso la rieducazione si consegue una scrittura più organizzata e quindi rispondente ai requisiti di chiarezza, velocità e leggibilità.

Attraverso la rieducazione si consegue una scrittura più organizzata e quindi rispondente ai requisiti di chiarezza, velocità e leggibilità.

La scrittura non migliora da sola, anzi negli anni successivi sarà soggetta a personalizzazioni che la renderanno ancora più illeggibile: è in questi casi che un rieducatore della scrittura può intervenire e, attraverso un ciclo di incontri, lavorare con il bambino sul gesto grafico, con risultati soddisfacenti.

La grafologia é una scienza umana che permette di comprendere il carattere, le attitudini e le potenzialita di una persona attraverso la sua scrittura.

No, è sufficiente un diploma di scuola superiore, aver frequentato un corso triennale presso una scuola riconosciuta e aver superato l’esame finale.

Il grafologo lavora come consulente nel campo della mediazione familiare, della selezione delle risorse umane nelle aziende, nell’orientamento scolastico e professionale, nel campo delle problematiche di coppia e dell’apprendimento. E’, al pari di un avvocato, di uno psicologo, ecc. un professionista che deve farsi conoscere e acquisire nel tempo una propria clientela grazie alla sua professionalità.

Certamente, senza alcun problema.

No, è sufficiente un contributo-spese di 150 euro per il materiale didattico.

Sì, rilascia un attestato valido in Italia e in Europa poiché siamo riconosciuti dall’AGP e dalla Société Francaise de Graphologie.

Sì, è stata riconosciuta dalla legge 3 del 2014 e viene regolamentata dall’AGP Associazione Grafologi Professionisti che riunisce le scuole riconosciute